Gestionale, ERP, agroalimentare, software, hardware, logistica, magazzino, produzione, salumifici, prosciuttifici, lavorazione carmi, pastifici, conserve pomodoro, conserve pesce, interfacciamento linee di produzione, bizerba, bilancia
  Home Page  
 
 
31
 

L’emergenza Corona Virus ha cambiato le nostre abitudini per sempre?

 

Il Covid-19 e la relativa emergenza causata dalla pandemia hanno drasticamente cambiato il nostro stile di vita per limitare al minimo le possibilità di contagio.
La ripartenza non è stata facile, soprattutto per l’economia che in molti settori è stata messa in ginocchio, e per questo le abitudini dei consumatori sono sensibilmente cambiate.
Focalizzandoci in particolare sul settore alimentare si è notata una cronicità delle nuove abitudini d’acquisto, un vero e proprio mutamento strutturale e potenzialmente antropologico, anche successivamente all’allentamento delle misure restrittive.

 

 

Prosegui con la lettura per scoprire di più…

 

 
       
     

In primo luogo, una modalità d’acquisto che ha fortemente preso piede in questo periodo è la vendita online , su tutte le piattaforme di e-commerce, che oltre ad essere di grande comodità per il singolo lo è anche per la collettività, riducendo la possibilità di assembramenti all’interno dei punti vendita fisici. Le vendite online hanno avuto un incremento del 120% da Gennaio a Giugno 2020 e del 160% solo nel post lockdown.
La necessità di limitare gli spostamenti al minimo e il timore di assembramenti ha portato i consumatori italiani anche a concentrare i propri acquisti nei piccoli negozi di vicinato, i quali hanno registrato un aumento delle vendite considerevole nel periodo subito successivo alla fine del lockdown; crescita che però per il momento sembra si sia fermata, attenendosi alle rilevazioni di fine Giugno.
Per quanto riguarda i prodotti , l’attenzione degli acquirenti è risultata sempre più focalizzata su scelte più sicure, sostenibili e di qualità , sia in termini di provenienza che in termini di metodi di produzione. Alimenti a filiera corta e “Made in Italy” sono diventati i prescelti da molti consumatori, anche di chi non aveva queste priorità. Il 20% degli italiani ha preferito cibi prodotti con metodi a basso impatto ambientale ; il 49%, invece, ha scelto i prodotti da mettere nel carrello sulla base dei benefici che apportano al benessere e alla salute .
Clicca qui per leggere l’ultimo articolo sul ruolo etico del packaging alimentare.


 

 


Non esitate a contattarci per avere una consulenza personalizzata.

 
         
         
 
 
     
 
                   
                   
                   
                   
  Copyright® ALISTAR Informatica Srl- P.IVA 01938710355