Gestionale, ERP, agroalimentare, software, hardware, logistica, magazzino, produzione, salumifici, prosciuttifici, lavorazione carmi, pastifici, conserve pomodoro, conserve pesce, interfacciamento linee di produzione, bizerba, bilancia
  Home Page  
 
 
26
 

Prorogato al 31 dicembre 2021 l'obbligo dell'origine in etichetta

 
 

Per pasta, riso e derivati del pomodoro rimane l’obbligo di dichiarazione d’origine in etichetta. I ministri Bellanova e Patuanelli hanno firmato lo scorso 30 Marzo un decreto ministeriale con il quale prolungano la suddetta disposizione oltre il 1 Aprile 2020, data in cui sarebbe dovuto entrare in vigore il regolamento europeo 775 del 2018.

I decreti italiani riguardanti l’etichettatura d’origine di latte e formaggi, pasta, riso e derivati del pomodoro sarebbero dovuti decadere con l’entrata in vigore del regolamento europeo. Tuttavia, la direzione mantenuta dai due ministri continua a rimanere la medesima e per questo è stata scritta una lettera a Bruxelles con la richiesta di estendere tali obblighi a tutti gli alimenti.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Prosegui con la lettura...

         
      Continua...  
 
 
 
 
4
 

Sostenibilitą : una nuova direzione per le strategie "Farm to Fork" UE 2030

 
 

Sostenibilità come parola d’ordine nel nuovo piano 2030 sviluppato dall’Unione Europea per la filiera alimentare. Le cosiddette strategie “farm to fork” , ovvero dal produttore al consumatore, prevedono misure sempre più volte alla tutela dell’ambiente e della nostra salute.

In primo luogo, entro il 2030 si prevede una riduzione del 50% dell’uso di pesticidi e quindi dei conseguenti rischi, di almeno il 20% dell’uso dei fertilizzanti e del 50% le vendite di antimicrobici destinati agli animali d’allevamento e all’acquacoltura.
I riflettori sono anche puntati verso la promozione dell’agricoltura biologica , per la quale si prevede un aumento dei terreni ad essa destinati del 25%, e più in generale verso la tutela della natura stessa, per la quale sono previsti stanziamenti da 20 miliardi l’anno.
Inoltre, sono sempre più in trend il controllo e la sicurezza alimentari, infatti sarà proposta dalla Commissione un'etichettatura nutrizionale obbligatoria sulla parte anteriore dell'imballaggio, che avvierà iniziative per stimolare la riformulazione dei prodotti, anche definendo dei profili nutrizionali per limitare la promozione di alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale. Inoltre, vi sarà la possibilità di proporre l'estensione a determinati prodotti dell'obbligo delle indicazioni di origine o di provenienza.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Prosegui con la lettura...

         
      Continua...  
 
 
 
 
4
 

Nuovo ente di certificazione e nuove direttive di controllo per il Prosciutto di Parma

 
 

Il Consorzio del Prosciutto di Parma ha approvato un nuovo ente di controllo per i suoi prodotti ritenuti tra le maggiori eccellenze del nostro paese. Parliamo del CSQA, un ente terzo ed indipendente con comprovata esperienza nella certificazione della qualità, il cui compito sarà quello di occuparsi del sistema di certificazione e controlli della DOP e di traghettare il Prosciutto di Parma verso un futuro sostenibile per tutta la filiera.
Vittorio Capanna, presidente del consorzio si pronuncia così: “Tra le novità più rilevanti del nuovo piano dei controlli è da segnalare l’introduzione di moderni strumenti di monitoraggio e l’utilizzo di un nuovo sistema informatico che raccoglie, aggrega e organizza i dati registrati da allevamenti, macelli, prosciuttifici e laboratori di affettamento per l’identificazione e la tracciabilità dalla materia prima al prodotto finito.”

 

 

Noi di Alistar, in qualità di partner informatici, proponiamo uno scambio di dati tra le aziende del circuito del Prosciutto di Parma e i portali RITF e CSQA. Tutte le comunicazioni in lettura e in scrittura, quindi in invio dati da allevamenti, macelli, prosciuttifici, sezionatori ai due portali e viceversa dovrebbero avvenire mediante file XML.

Prosegui con la lettura per saperne di più...

 

         
      Continua...  
 
 
 
 
16
 

La tecnologia salverą  il settore agroalimentare?

 
 

L’emergenza corona virus che stiamo vivendo ha posto il settore agroalimentare davanti a nuovi fronti di rinnovamento tramite l’ausilio della tecnologia.
Parliamo oggi della tecnologia blockchain, che permette di immagazzinare e conservare dati su blocchi chiusi con una chiave criptografica, per evitare la sovrascrittura. Il vantaggio principale che si può trarre è il controllo della filiera dei prodotti alimentari: ogni prodotto percorre diverse fasi e incontra diversi “attori” prima di arrivare nelle mani del consumatore.
Risulta quindi complesso mantenere intatta la qualità del prodotto stesso, che necessita di essere tutelata e preservata lungo tutto il percorso.

 

 

Noi di Alistar lavoriamo ogni giorno per garantirvi assistenza al passo con i tempi.

Prosegui con la lettura per saperne di più...

 

         
      Continua...  
 
 
  << Indietro  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13  Avanti >>  
 
                   
                   
                   
                   
  Copyright® ALISTAR Informatica Srl- P.IVA 01938710355